Notizie sui MEDIA


I tassisti di “Tutti taxi per amore” sono tornati nei luoghi del terremoto del Centro Italia organizzando un pranzo solidale ad Amatrice, in collaborazione con la Pro loco e il Primo Municipio e con il patrocinio di Regione Lazio e Area metropolitana.

 

Sessanta taxi e due pullman, scortati dall’Associazione motociclisti delle forze dell’ordine, sono partiti sabato 29 settembre di prima mattina da Roma per raggiungere Amatrice. Lì ad aspettarli c’erano 15 camper per un totale di oltre 400 persone. È l’ultimo progetto dei tassisti di “Tutti taxi per amore”, associazione impegnata dal 2015 nell’organizzazione di eventi solidali.

Dopo due anni dal sisma, per aiutare l’economia dei luoghi colpiti dalle scosse del 2016, i tassisti romani hanno deciso di organizzare un pranzo solidale ad Amatrice, in collaborazione con la Pro loco e il Primo Municipio e con il patrocinio di Regione Lazio e Area metropolitana. Per tutti coloro che si sono iscritti al pranzo la corsa in taxi è stata gratuita. «Vogliamo occuparci degli ultimi – sottolinea Marco Salciccia, tra i fondatori di Tutti taxi per amore -. Tutto senza chiedere soldi e questo continuerò a ripeterlo: con poche mosse e senza chiedere aiuti economici, siamo riusciti a fare molto per gli altri».

Viaggio e musica sono stati organizzati dall’associazione, ad accompagnare il pranzo, la musica del coro In Canto Libero e della Vocalist Giulia Palagetti. Al cibo ha pensato invece la Pro Loco, un modo per stare insieme e per aiutare i piccoli commercianti del luogo.

L’associazione “Tutti taxi per amore” nasce nel 2015 per volere di Marco Salsiccia, Roberto Zanna, Massimiliano Antonello e Massimo Palagetti, quattro tassisti con la voglia di spendersi nel sociale attraverso il proprio lavoro. La prima iniziativa ha coinvolto i ragazzi del Don Guanella, che hanno fatto un tour tra il Campidoglio e il Quirinale con ultima tappa al Gianicolo. Ma questo è solo un esempio: «Ogni 6 mesi organizziamo il “Taxi senior day” per dedicare un po’ del nostro tempo agli anziani ed ogni 3 mesi c’è la donazione del sangue insieme al gruppo donatori sangue, grazie anche all’impegno di Rosanna Uncinotti, un’amica che ci aiuta nell’organizzazione e con il sito. Ma il mio sogno – continua Marco Salsiccia –, è di allargare le iniziative anche nel resto d’Italia e ad oggi siamo riusciti a coinvolgere Firenze, Milano, Brescia, Genova, Cagliari e Napoli».

Per rimanere aggiornato sulle iniziative dell’associazione basta visitare il sito:

https://www.tuttitaxiperamore.it/

https://wwwhttps://www.tuttitaxiperamore.it/.tuttitaxiperamore.it/


Terremoto, taxi gratis da Roma per il pranzo solidale ad Amatrice

Si rinnova l’impegno dei tassisti romani di “Tutti Taxi per Amore”
per le popolazioni colpite dal sisma.
Sabato 29 settembre, oltre 60 vetture trasporteranno gratuitamente i passeggeri
diretti al pranzo solidale promosso insieme alla Pro loco e al Primo Municipio,
con il patrocinio di Regione Lazio e Area metropolitana

 


"Genova non si arrende", dai tassisti di tutta Italia aiuti per il capoluogo ligure

Si sta diffondendo a macchia d’olio l’iniziativa promossa da

“TuttiTaxi per Amore”:10 euro di contributo per l’adesivo da apporre sul lunotto posteriore del taxi. Obiettivo: sostenere un progetto delle Unità cinofile dei Vigili del fuoco impegnate nei soccorsi dopo il crollo del ponte

GENOVA – “Genova non si arrende” è la scritta a caratteri cubitali che per i prossimi due mesi campeggerà sul lunotto posteriore di oltre 300 taxi milanesi e di altre migliaia di auto di servizio in tutta Italia. Partito dall’idea di un tassista genovese, Gianfranco Mazzitelli, al progetto hanno subito aderito le cooperative della città e l’associazione romana “Tutti Taxi per Amore”, molto attiva nel sociale, che l’ha lanciato a livello nazionale.

 


"Genova non si arrende": la Cooperativa Taxisti Riminese sostiene la raccolta fondi "Genova non si arrende"

"Genova non si arrende": la Cooperativa Taxisti Riminese sostiene la raccolta fondi
„"Genova non si arrende". L'adesivo sarà visibile anche sui taxi di Rimini come nelle maggior città italiane. Il ricavato della raccolta fondi sposata dal Co.Ta.Ri sarà devoluto alle unità cinofile dei Vigili del Fuoco. "Ovviamente ci teniamo a ringraziare coloro che hanno organizzato questa iniziativa e, soprattutto, un grazie enorme alle unità cinofile dei Vigili del Fuoco che svolgono un lavoro prezioso per salvare vite umane", evidenziano dalla Cooperativa Taxisti Riminese.


Ponte Morandi, i tassisti genovesi raccolgono fondi per i vigili del fuoco

Un logo sul taxi: "Genova non si arrende" e una raccolta per le unità cinofile

Genova. È nata da un’idea di un tassista genovese, Gianfranco Mazzitelli, l’iniziativa di una raccolta fondi per i Vigili del Fuoco, impegnati nelle operazioni di soccorso del crollo del Ponte Morandi. A poco più di un mese dalla tragedia, ha ottenuto l’adesione di singoli tassisti, Cooperative e consorzi taxi di circa 30 città.


Ponte Morandi, i tassisti di tutta Italia scendono in campo per Genova

Raccolta fondi a favore delle unità cinofile dei vigili del fuoco

Grazie alla collaborazione della onlus ‘Tutti taxi per amore’, del presidente Marco Salciccia, è stata distribuita su tutto il territorio nazionale la striscia “Genova non si arrende”, applicata da giorni al lunotto posteriore dei taxi in tutta Italia. I tassisti aderenti all’iniziativa hanno fatto un’oblazione volontaria tracciata sul conto corrente ‘Genova non si arrende’, aperto per l’occasione e devoluto alle Unità Cinofile della Liguria, per la realizzazione di un mezzo speciale per contribuire al miglioramento delle condizioni di lavoro in situazioni così difficili.

 



SECONDA DONAZIONE SANGUE NAZIONALE


Tutti taxi per amore, in sei città in campo per donare il sangue

Domani, martedì 19 dicembre, i tassisti di sei città d’Italia si ritroveranno per donare il sangue. “L’iniziativa, partita da Roma, ha contagiato tanti colleghi da nord a sud del Paese - spiega Marco Salciccia, presidente dell’associazione Tutti Taxi per Amore -. Importante è diffondere la cultura della donazione, affinché diventi un esempio da seguire in ogni famiglia”.

 

http://www.iltempo.it/roma-capitale/2017/12/20/news/tutti-taxi-per-amore-in-sei-citta-in-campo-per-donare-il-sangue-1041337/

Tassisti fiorentini solidali
campagna per promuovere la donazione di sangue

Meyer, Careggi, Torregalli, Ponte a Niccheri: sono i quattro ospedali fiorentini dove oggi, martedì 19 dicembre, è possibile donare sangue tutto il giorno,nell'ambito del progetto “Tutti taxi per amore "L'albero del sangue non esiste”la seconda raccolta di sangue nazionale tra i tassisti italiani.
Una bellissima iniziativa (che localmente vede i tanti radiotaxi già impegnati da molti anni in questa ed altre attività sociali), partita da Roma e che si è poi trasformata negli anni in un progetto capace di coinvolgere i tassisti di varie città italiane.
"L'intento di questo gruppo e di questa manifestazione nello specifico - spiegano il presidente di Socota-RadioTaxi 4242 Marzio De Vita e il responsabile Marketing, Cristiano Storchi -è quello di sensibilizzare alla donazione del sangue quanti più colleghi possibile e con loro anche tutta la cittadinanza".
Un bel modo, per fare del bene, solidarizzare con i colleghi e spronare le persone anche solo ad informarsi su un tema quanto mai importante e attuale".

Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2017/12/19/tassisti-fiorentini-solidali-campagna-promuovere-la-donazione-sangue/Copyright © gonews.it


INTERVISTA SU CrowdActing

Dopo una piccola pausa, ecco di nuovo la testimonianza di un volontario super. Questa volta, vi riportiamo una mini intervista a Marco. Oltre alla sua testimonianza, Marco ci ha anche inviato una foto che lo ritrae insieme a tutto il suo gruppo di volontari. Che dire? Se non vi convincono le loro parole, di sicuro di convinceranno i loro sorrisi!

Ciao Marco, sei un volontario per l'associazione 'Tutti Taxi per Amore'. Di cosa vi occupate?
Tutti taxi per amore è un’associazione di promozione sociale di tassisti, tassiste ed amici che dedicano parte del loro tempo a chi ne ha bisogno con eventi ed azioni solidali.
Le attività che realizziamo, dalla raccolta sangue fino al sostegno nelle zone terremotate provengono dal quotidiano lavoro in strada a stretto contatto degli ambienti a forte disagio sociale.

Perchè hai scelto di fare volontariato?
Ho scelto di fare volontariato perché é così che percepisco il mondo, se qualcuno cade lo si aiuta a rialzarsi.
Quando ho avuto bisogno hanno offerto una mano tesa anche a me, lo vedo un gesto naturale in una società civile.

Cosa ti rimane dopo una giornata passata ad aiutare gli altri?
Dopo una giornata passata ad aiutare gli altri rimane la gioia, la sensazione di aver fatto la cosa giusta.

Quali sono le difficoltà che un volontario deve superare?
Le difficoltà sono mille, la diffidenza di chi ci circonda credo sia la principale, ma si affrontano con lo spirito giusto.
Mai negativi, sempre propositivi per trovare soluzioni e non solo problemi.

Cosa consiglieresti a chi non ha mai fatto volontariato?
A chi non ha mai fatto esperienze di volontariato consiglio almeno di provare.
Un genitore può trovare il tempo di far fare una donazione di sangue, ad esempio. Ad un giovane consiglierei di regalare un po' di tempo agli ospiti di un istituto per anziani.
Consiglio loro solo di lasciarsi andare... superato il primo impatto tutto verrà da sé!
Se noi siamo i primi ad aprirci e FARE, chi ci guarda pian piano si aprirà. Se aspettiamo solo che siano gli altri a muoversi, non cambieremo mai nulla.


RICONOSCIMENTO TELAIO SOLIDALE

Il riconoscimento “TELAIO SOLIDALE” conferma che la direzione é quella giusta, soffiare sulla stessa vela in aiuto di chi ha bisogno regalando sorrisi e solidarietà.. GRAZIE a tutti per i primi 2 anni passati INSIEME...!!


DESTINAZIONE REBIBBIA

Tre auto station-wagon caricate fino all’orlo: consegnati al reparto femminile del carcere romano 43 scatoloni pieni di indumenti e biancheria intima destinati alle recluse. Un successo la raccolta avviata all’esterno

17 OTTOBRE 2017

ROMA - Tre auto station wagon caricate fino all’orlo, una quarantina di scatoloni destinati al controllo pacchi, al loro interno tutto l’occorrente per confezionare i kit di primo ingresso e offrire alle detenute la possibilità di affrontare dignitosamente i primi giorni di carcere. “Destinazione Rebibbia” è la nuova iniziativa avviata dall’associazione di tassisti romani “Tutti Taxi per Amore” che questo pomeriggio ha consegnato il materiale ai responsabili del reparto femminile dell’istituto di pena.
Vestiti, tute, magliette, scarpe in ottimo stato o nuove. E, soprattutto, biancheria intima, quella che manca sempre, quella che donne libere hanno donato a donne recluse, in gran parte nuova.

 

La parola d’ordine, nel nuovo evento promosso dai tassisti, è “dignità”. “L’invito a raccogliere e donare questo tipo di materiale – racconta il presidente dell’associazione, Marco Salciccia – è arrivato proprio dall’istituto e noi ci siamo subito attivati. All’inizio è stato difficile parlare di carcere alle persone ma poi è bastato poco per ‘abbattere il muro’ e la risposta non si è fatta attendere: in poco tempo abbiamo raccolto 3 macchine di indumenti”.
All’iniziativa partecipano anche ‘Samarcanda Radio Taxi’, Radio Rock, l’associazione ‘Il Viandante’ e il Centro antiviolenza di Tor Bella Monaca. Nato a maggio 2011, il Centro registra numeri molto alti, circa 2 mila presenze dall’inizio dell’attività, soprattutto tra gli utenti che arrivano dagli altri quartieri romani. “Raccogliamo denunce di ogni genere – spiega la presidente, Stefania Catallo -, dagli abusi fisici alle violenze psicologiche, dal mobbing alle truffe a sfondo sentimentale, ai maltrattamenti subiti anche da donne anziane. L’evento promosso con ‘Tutti Taxi per Amore’ è molto significativo. Collaboriamo da tempo con il carcere perché gestiamo anche una sartoria solidale con la quale riusciamo a proporre qualche inserimento, insegnando alle detenute un lavoro. Inoltre prestiamo abiti da sposa alle donne recluse che si stanno per sposare. Sappiamo che contare su un kit di primo ingresso che ti garantisce un cambio, soprattutto per l’intimo, in carcere è molto importante. Da quando abbiamo lanciato la raccolta c’è stata molta solidarietà e tutto questo movimento dimostra una grande disponibilità che ci spinge a fare sempre di più per aiutare gli altri”.

 

“I primi giorni di carcere – sottolinea Mario Pontillo, dell’associazione ‘Il Viandante’ – sono molto pesanti e diventano ancora più difficili per chi non ha fuori una famiglia che provvede a portare gli indumenti di ricambio. Si rischia di restare con gli stessi vestiti per giorni, con tutte le conseguenze che possiamo immaginare. E allo stress del momento processuale si somma la pressione di una condizione difficile”.
Alla consegna dei kit è seguito un momento di intrattenimento curato da Giulia e Max Palagetti. “Siamo molto soddisfatti di questa prima esperienza con il carcere – commenta il presidente di Tutti Taxi per Amore (www.tuttitaxiperamore.it) -, dopo le persone con disabilità, i nonnini e i bambini speciali, abbiamo voluto dare un piccolo aiuto anche a una parte della popolazione detenuta: donne, in questo caso, che spesso la società considera ‘invisibili’ e alle quali, invece, la nostra associazione vorrebbe riconsegnare un po’ di dignità”. (Teresa Valiani)

 

 


DAL MESSAGGERO

Nuova iniziativa del gruppo "Taxi per amore", un'associazione di tassisti romani protagonista di iniziative benefiche. La giornata di oggi sarà dedicata alla «raccolta solidale di indumenti che saranno donati a Rebibbia per allestire il kit di primo ingresso per le nuove ospiti recluse con difficoltà familiari ed economiche».

Il titolo dell'iniziativa è "Taxi, destinazione Rebibbia: i tassisti romani aiutano le donne recluse". Sono stati allestiti alcuni punti di raccolta in città.


TAXI SENIOR DAY 5

Ne parliamo con Marione su Radio Centro Suono Sport FM 101.5





Lettera di rigraziamento per il nostro contributo

all'organizzazione di un evento storico per tutti 

i malati di HUNTINGTON nel mondo